Search

Language:  
Search for:

Available article translations:

Problemi nell'avvio delle macchine virtuali Parallels Desktop 6 in versioni precedenti

APPLIES TO:
  • Parallels Desktop 6 for Mac
  • Parallels Desktop 5 for Mac
  • Parallels Desktop 4 for Mac

Sintomi e causa

Se si verificano problemi nell'avvio di una macchina virtuale creata in Parallels Desktop 6 in versioni precedenti di Parallels Desktop (per esempio, in Parallels Desktop 5), il motivo più probabile sia perché si sta cercando di avviare una macchina virtuale crittografata. Le macchine virtuali, crittografate in Parallels Desktop 6, non possono funzionare nelle versioni precedenti di Parallels Desktop. Se si cerca di avviare una macchina virtuale di questo tipo in una versione precedente di Parallels Desktop, la macchina virtuale non si avvierà e il suo file di configurazione risulterà danneggiato. Questo vuol dire che dopo questo errore, non sarà possibile avviare la macchina virtuale in Parallels Desktop 6.

 

Come ripristinare la macchina virtuale danneggiata

Se hai cercato di avviare la macchina virtuale, crittografata in Parallels Desktop 6, in una versione precedente di Parallels Desktop e la macchina virtuale risulta danneggiata, è possibile realizzare le azioni seguenti per ripristinarla:

Nota: Non è possibile ripristinare le istantanee (se ce ne sono) e tutti i dati non salvati (se la macchina virtuale era sospesa).

  1. Avvia Parallels Desktop 6 e crea una nuova macchina virtuale identica. Per farlo, scegli Nuova dal menu File e segui le istruzioni della procedura guidata.

  2. Quando la macchina virtuale sarà pronta, procedi alla crittografia. Scegli Configura dal menu Macchina virtuale, seleziona la scheda Opzioni e clicca su Sicurezza. Nel pannello Sicurezza, clicca su Crittografia: Attiva e indica una password per lavorare con la macchina virtuale.

  3. Quindi, è necessario aggiungere il disco rigido virtuale della macchina virtuale danneggiata alla macchina virtuale appena creata. Seleziona l'ultima macchina virtuale e accertati che sia spenta.  Scegli Configura dal menu Macchina virtuale, seleziona la scheda Hardware, clicca sul pulsante Aggiungi e scegli Disco Rigido.

     

    Nella finestra che compare, scegli File d'immagine esistente dal menu Tipo, seleziona Scegli un file dal menu Percorso e seleziona il disco rigido virtuale (il file con l'estensione .hdd) della macchina virtuale danneggiata.

     


    Nota: I dischi rigidi virtuali sono memorizzati nei bundle .PVM delle corrispondenti macchine virtuali, che invece, di solito sono memorizzate nella directory Home/Documents/Parallels o nella directory Users/Shared/Parallels.

  4. Dopo aver selezionato questo disco rigido, inserisci la password che usavi per crittografare la macchina virtuale che risultò danneggiata più tardi. Clicca su OK due volte per salvare le modifiche. Sarà quindi possibile avviare la macchina virtuale. Tutti i dati memorizzati nel disco rigido della macchina virtuale danneggiata saranno disponibili nell'ultima macchina virtuale che è stata creata.



Come avviare la macchina virtuale, crittografata in Parallels Desktop 6, nelle versioni precedenti di Parallels Desktop

Per avviare la macchina virtuale, crittografata in Parallels Desktop 6, in una versione precedente di Parallels Desktop, è necessario decrittografarla. Una volta la macchina virtuale sarà decrittografata, sarà possibile usarla nelle versioni precedenti di Parallels Desktop.

Per decrittografare una macchina virtuale, segui questi passi:

  1. Avvia Parallels Desktop 6 e seleziona la macchina virtuale crittografata. La macchina virtuale deve essere spenta.

  2. Scegli Configura dal menu Macchina virtuale, seleziona la scheda Opzioni, e clicca su Sicurezza.

  3. Nel pannello Sicurezza, clicca su Crittografia: Disattiva.

  4. Quando ti verrà richiesto, indica la password che avevi fornito per crittografare questa macchina virtuale e clicca OK. La macchina virtuale sarà decrittografata e pronta per funzionare nelle versioni precedenti di Parallels Desktop.




b0d2afa3ea1ba6ce10dddf5df618e6f6 1e5db16426987d561060acdf56d947b4 33c4522b6fa9ca8e050f19b889fb58f1 5de01269f8a616c8c62832c3bf8cb718 279e509e1fbdf7d3ff4adbfcc21d2666

FEEDBACK
Was this article helpful?
Tell us how we may improve it.
Yes No